Notice: Undefined offset: 0 in /home/calcolo1/public_html/prestitiinpdap.it/wp-content/plugins/dashylite/includes/Data/Tracking.php on line 27

Mutui inpdap per dipendenti e pensionati

L’Inpdap non offre solo finanziamenti sotto forma di prestiti, ma mette a disposizione anche i mutui inpdap per l’acquisto della prima casa. Questa particolare tipologia di mutuo a tasso agevolato è disponibile per tutti i dipendenti e i pensionati del settore pubblico, i quali possono accedere a dei tassi davvero vantaggiosi.

A seguito della riforma del governo Monti, nell’ambito della manovra finanziaria 2012 (Legge di stabilità 2012), si è avuta la soppressione dell’INPDAP e il suo accorpamento all’INPS a far data dal primo gennaio 2012. Questo ha fatto sì che i servizi creditizi che venivano precedentemente erogati dall’Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell’Amministrazione Pubblica, ora vengono gestiti dall’INPS, l’istituto di previdenza sociale.

Si può dunque parlare indifferentemente di mutui inpdap o mutui inps, riferendosi allo stesso servizio.

Tipologie

I mutui inpdap possono essere richiesti per finanziare le seguenti spese:

  • mutuo prima casa: acquisto, costruzione, ampliamento su terreno di proprietà o assegnazione da cooperative in proprietà divisa di un alloggio non considerato di lusso. In questo caso l’importo massimo ottenibile è di 300.000 euro
  • manutenzione e ristrutturazione prima casa: esecuzione di lavori di manutenzione (ordinaria o straordinaria), adattamento, ampliamento, trasformazione o ristrutturazione della prima casa. L’importo del mutuo non può eccedere il 40% del valore dell’immobile (come risulta dalla perizia estimativa dei tecnici INPS), con un limite massimo di 150.000 euro
  • garage o posto auto: acquisto o costruzione di un box auto o di un posto auto di pertinenza all’alloggio (non può essere distante più di 500 metri dalla casa). Somma massima ottenibile: 75.000 euro

Chi può richiederlo

I mutui ipotecari edilizi INPS ex Inpdap possono essere richiesti da

Requisiti mutuo prima casa

Il mutuo inpdap può essere richiesto solo per l’acquisto della prima casa, ossia per l’immobile in cui l’iscritto o i suoi familiari hanno la residenza o la trasferiranno. L’immobile deve essere sistuato sul territorio italiano e non deve essere gravato da nessuna garanzia reale. L’immobile non deve essere di considerato un immobile di lusso e l’iscritto non deve essere proprietario di altro immobile sul suolo italiano.

Durata

La durata del mutuo inpdap varia a seconda dell’età del richiedente:

  • se il richiedente ha meno di 65 anni, il finanziamento può avere durata 10, 15, 20, 25 o 30 anni
  • se il richiedente ha 65 anni o più, la durata può essere solo 10 o 15 anni

Piano di ammortamento

Il piano di ammortamento del mutuo inpdap è calcolato con il metodo cosiddetto “alla francese”, con rate semestrali costanti, comprensive di quota capitale e quota interessi. Per effettuare un calcolo del piano di ammortamento usa il nostro strumento gratuito per il calcolo della rata del mutuo.

Regolamento mutui inpdap

Tutta la disciplina sui mutui inpdap può essere consultata sul regolamento redatto dall’Inpdap sull’erogazione di mutui per l’acquisto della prima casa.

E’ un documento che prevede tutta una serie di articoli che stabiliscono i vari requisiti, le modalità di erogazione e le finalità per cui vengono concessi i mutui inpdap, che possono prevedere anche casi diversi dall’acquisto della prima casa (ad esempio si può richiedere un mutuo anche per l’acquisto di un box auto).

Per una più facile consultazione si può far riferimento alla versione web del regolamento mutui inpdap.

Di seguito riportiamo il regolamento integrale e le domande per accedere ai mutui erogati dall’Inpdap.

  • Regolamento mutui INPS ex INPDAP 2017 (pdf)
  • Guida alla compilazione della domanda online (pdf)
  • Lista dei documenti da allegare alla domanda (pdf)

Lascia un commento